Social media marketing: sei un albergatore o un arrotino?

Immaginatevi un grande giardino, in cui tutti gli abitanti del quartiere vanno per rilassarsi, per fare due chiacchiere con gli amici o conoscere nuove persone. Fatto? Bene. Ora immaginate di sentire un vecchio megafono gracchiare una vecchia reclame che ha terrorizzato intere generazioni di massaie.

È arrivato l’arrotino.
Arrota coltelli, forbici, forbicine, forbici da seta, coltelli da prosciutto!
Donne, è arrivato l’arrotino e l’ombrellaio; aggiustiamo gli ombrelli; l’ombrellaio, donne!

Secondo voi, quanti nel giardino si avvicineranno all’Ape scassata dell’arrotino per farsi aggiustare l’ombrello? Pochi, per non dire nessuno. Non sono nel giardino per comprare servizi, sono usciti di casa per godere della compagnia altrui, per guardare la bellezza del panorama naturale o per fare sport. Non vogliono arrotare niente e, anzi, probabilmente sono infastiditi dall’invadenza e dal rumore dell’affilatore professionista.

L’arrotino spara nel mucchio, facendo più casino possibile e sperando che qualcuno scenda di casa con coltelli, ombrelli e cucine a gas per farsele riparare. Funziona moderatamente bene quando passa sotto le case dei suoi potenziali clienti, ma il giardino non è una casa e non segue le stesse regole.

Se un imprenditore producesse un “affilatore spray” e volesse venderlo ai visitatori ricorrenti del giardino, come dovrebbe fare, dunque? Ovvio: dovrebbe farsi conoscere, andando direttamente nel giardino per scambiare due parole con tutti e tentare nel tempo di creare un legame. È un processo lungo, ma dopo sarebbe facile per lui presentare il proprio prodotto fra una chiacchierata amichevole e l’altra. La magia di tutto questo è che a quel punto non sarebbe lui a vendere ma gli altri ad acquistare. La fiducia, il rispetto e, perché no, l’affetto conquistati con i propri potenziali clienti sono la migliore pubblicità possibile.

Curiamo il nostro giardino

Forse siete arrivati a capire dove voglio andare a parare con questa metafora, ma permettetemi di renderla esplicita.

Il giardino che interessa a noi è la bacheca di una piattaforma social e i suoi visitatori sono le centinaia di milioni di utenti che ogni giorno ci si collegano.

L’arrotino? L’arrotino rappresenta tutti quelli che prendono i social media come enormi interruzioni pubblicitarie nella vita dei potenziali clienti. Il loro megafono gracchiante è fatto di post concentrati unicamente sulla vendita o sulle virtù miracolose del loro prodotto, sempre il migliore e al miglior prezzo.

Alle persone, però, non frega proprio niente. Non sono su Facebook, su Twitter o su Instagram per farsi bombardare di promozioni, sconti, prendi-3-paghi-1-ma-solo-per-i-primi-dieci-clienti. Vogliono intrattenimento ed emozioni, vogliono riflettere, discutere e litigare (sì, apparentemente c’è a chi piace).

Ho visto alberghi, anche strutture di primissimo piano, prendere questo approccio sui social, con post di offerte su offerte intervallati da timide fotine delle camere o qualche scattino poco convinto e sfocato della hall. I risultati vanno spesso dal modesto allo sconfortante.

E allora come fare? Coinvolgendo i fan e creando un vero, genuino dialogo con loro. Fa molto di più per il vostro albergo una foto di due clienti sorridenti al check-in, ringraziati per nome, di un pacchetto benessere spiattellato in bacheca ogni due giorni. È più utile un video del vostro bravissimo barman che insegna come preparare un Mojito di ricordare via post del prosecco omaggio a chi acquista direttamente.

Offrite ai vostri fan valore nei vostri post, rivelando loro dove si mangia bene in zona, quali sono i tour più emozionanti e quali eventi sono imperdibili nella vostra località. Coinvolgete gli utenti chiedendo loro di parlare di sé, delle loro aspirazioni e dei loro sogni.

3 esempi di post che funzionano

A seguito 3 post di alberghi che hanno capito come sfruttare le straordinarie potenzialità dei social. Per comodità sono stati selezionati solo da Facebook, piattaforma con cui tutti più o meno hanno confidenza, ma non sottovalutate le potenzialità di Twitter e Instagram.

Il link che offre valore ai fan

Link da Facebook

Un contenuto utile è un contenuto che piace.

Non c’è niente che i fan amino di più di essere coccolati con contenuti di valore. In questo esempio l’hotel avrebbe potuto sponsorizzare il proprio ristorante, invece regala 11 ricette ai propri fan condivise dai suoi chef, senza chiedere niente in cambio. Perché farlo? Perché oltre a suscitare gratitudine, crea aspettativa: “se gli chef sono così bravi e creativi con ricette per i più piccoli, chissà cosa prepareranno per noi adulti!”.

Il dialogo con i fan

Post su Facebook a Sorrento

La pagina ha meno di 1500 fan, ma non la ferma da raggiungere quasi 7000 persone.

Eppure è semplice. Una splendida foto della struttura più una domanda, quasi sciocca. I risultati? Ottimi, a dir poco. I fan di una pagina vogliono essere parti attive della sua vita, non semplici spettatori. Le domande sono il modo migliore per far fioccare commenti e iniziare a costruire un rapporto con gli utenti, aumentando allo stesso tempo la portata dei post.

I post in tempo reale

L'hotel si racconta anche con foto estemporanee e testi che ammicchino al proprio target

L’hotel si racconta anche con foto estemporanee e testi che ammicchino al proprio target.

È importante programmare le proprie attività sui social, ma bisogna essere anche pronti a cogliere le opportunità in tempo reale. Anche una foto, un po’ scura, di un gatto sul bancone del bar può essere una buona scusa per creare un post divertente. Le condivisioni provengono in gran parte dai presenti quella sera, che hanno apprezzato la possibilità di conservare un ricordo così bizzarro.

In conclusione

Provate a curare i vostri fan sui social. Vedrete che i visitatori di questo giardino virtuale ve ne saranno così grati che preferiranno sempre prenotare una camera da voi direttamente.

Lasciate i megafoni gracchianti agli arrotini e diventate albergatori davvero social.

Pubblicato in Social Media Taggato con: , , , ,

Rimani aggiornato

* indicates required
È Semplice!
Contattaci per ricevere subito la tua demo gratuita di Simple Booking.
© 2004 - 2015 QNT S.r.l. a Socio Unico - Tutti i diritti riservati Sede legale: Via Lucca,52 - 50142 - Firenze - C.F. & P.IVA: 02333620488 - N.Rea FI-52 2110. Capitale Sociale € 19.000 i.v.
Privacy Policy - Cookie Policy